Misoginia artistico-creativa

odiatori di donne

Pensare di sanare un ambiente corrotto semplicemente comportandosi correttamente, illudersi di cambiare la natura maligna di qualcuno, credere di conoscere il suo abisso, così come credere di rimanere puliti dopo essere entrati in politica  o che il consulente finanziario della vostra banca sia obiettivo nel proporvi un investimento: tutte ingenuità imperdonabili.

Così come la tendenza ad avere pietà dei misogini perchè, poverini, hanno sofferto tanto per diventare così. Capisco ma non approvo. Oggi  mi è capitato a tiro un botta e risposta trovato su un social, con una marea di commenti maschili sotto; discorsi che tradivano la completa persuasione circa l’inaffidabilità della natura femminile, con generalizzazioni irrazionali su tutto il genere. Prudentemente mi sono guardata bene dal commentare, sia per non influenzare il tono della conversazione, sia perchè, come donna, sarei certamente stata attaccata in modo subdolo, com’è tipico degli odiatori di donne. Attenzione, però, che ci sono misogini di entrambi i sessi!

Odiare la natura femminile a causa di proprie esperienze personali, è come dire che tutte le persone presenti in una stanza durante un omicidio, siano assassine.

E’ un bug di sistema del cervello oppure si tratta di problemi di comprendonio?

In ogni caso, cari miei,  mai fidarsi di chi odia se stesso. L’odiatore/odiatrice si sente fondamentalmente stupido e si biasima per non aver incanalato bene la propria fiducia, per averla riversata sulla persona sbagliata, non si stima e prova sentimenti di rivalsa.  Fragilità che possono commuovere ma, credetemi, non si possono salvare persone che non hanno alcun desiderio di essere salvate,  casomai sono loro a portare a picco gli altri!

Non scambiatemi per una persona crudele e priva di compassione umana poichè comprendo bene l’istinto di protezione verso i più deboli o il desiderio di risanare le ferite, tipico soprattutto delle donne, che racchiudono in se’ delle virtù finalizzate alla protezione e conservazione della prole, insite nella loro natura.

Evito di trascrivere qui la conversazione virtuale, sarebbe un gioco da ragazzi intercettarla col motore di ricerca, vi dico solo che pare concentrata sulle modalità punitive da riservare alle “peccatrici”, alcune crudeli e contorte in modo inimmaginabilmente creativo ed artistico!

Risanare certi disturbi della personalità sarebbe utopico almeno quanto gli esempi da me citati all’inizio di questo post.

Roba da psichiatri, non per noi.

Maria Antonietta BS

La gente spesso parla di crudeltà “bestiale” dell’uomo, ma questo è terribilmente ingiusto e offensivo per le bestie: un animale non potrebbe mai essere crudele quanto un uomo, crudele in maniera così artistica e creativa.

(Fëdor Michajlovič Dostoevskij)

Annunci

6 pensieri riguardo “Misoginia artistico-creativa

  1. ecco roba da psichiatri, bene ricordare che la misoginia è diffusa nei due sessi, pur con motivazioni diverse. mi hai dato l’idea per un post, anche io ieri su altro spazio web , ho letto una chicca favolosa…vedo di metterlo insieme, buondì runner 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...