Il vero running non è ossessione

Il running, inteso come stile e filosofia di vita, dovrebbe rispettare il proprio modo di essere e se c’è una cosa su cui si può stare sicuri è che non si è mai ogni giorno uguali. Compiere gli stessi gesti, percorrere la stessa strada, ascoltare la stessa playlist, uscire alla stessa ora, sono gesti ossessivi che pian piano allontanano dal running.

Confrontare le velocità e i percorsi, ogni tanto va bene, ma fissare ogni momento il Garmin oppure Runtastic (tanto per citare gli strumenti di casa mia) significa correre con lo sguardo rivolto solo ai ritmi di allenamento. Non c’è nulla di più deleterio nel running che ripetere gli stessi schemi e rivolgere attenzione alle stesse cose. Bisogna correre assecondando le sensazioni del momento, saper staccare la spina dal cervello ed imparare ad immaginare.

Il running acquista il suo vero significato adattandosi al tempo ed al sentire personale, ignorando i messaggi esterni che, anzichè aggiungere benessere, non fanno altro che far sentire inadeguati.

Maria Antonietta BS

ore 6,00
Bari, Ore 6,00
Annunci

23 thoughts on “Il vero running non è ossessione

  1. da quando ho ripreso a correre dopo l’infortunio metto il Garmin al polso ma non lo guardo mai… non ha senso. L’unica cosa che ha senso è cambiare il percorso, non sempre è possibile ma quando si riesce a fare la corsa ha tutto un altro respiro…

    Liked by 1 persona

      1. Si, belle le mappe 😉 mi diverto a vedere a quale km ho accelerato o rallentato e giochetti di questo tipo. E’ un bel passatempo ma è anche importante perchè col tempo noti i progressi che, ci tengo a dirlo, faccio in modo che siano naturali

        Liked by 1 persona

      2. Brava anche io e lo faccio anche sovrapponendo alla mappa la quota e il passo…
        Anche io vedevo i miglioramenti e in un anno ne ho fatti molti. Poi un mese e mezzo di stop e sto ripartendo davvero così se quest’anno non fosse esistito. Ma so che dopo qualche uscita le cose andranno meglio

        Liked by 1 persona

  2. -Il running acquista il suo vero significato adattandosi al tempo ed al sentire personale, ignorando i messaggi esterni- questo vale anche per il trekking, proprio così. ciauuuu

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...