Solo rose e fiori sul running?

Racconto il vero, ma non tutto, sbaglio?

Tendo a raccontare il positivo, il bello, ciò che mi dà la corsa,  spesso omettendo il lato oscuro della faccenda.

Non vi ho detto cosa rischia una donna che vuole fare sport in pace, nella natura, e voi certo sapete che trovare un po’ di aria pulita spesso significa cercare posti un po’ isolati. Non vi ho detto quanto mi disturbano i cultori di poltrone che criticano i runners cercando di farli passare per cultori del corpo, quando si sa che non è affatto così. Disturba molto l’ignoranza di chi parla di ciò che non sa,  ma ancora di più chi mente sapendo di mentire. Non vi ho detto di quanto mi disturba il fatto che le città siano carenti di percorsi sicuri, come piste ciclabili e quanto questo dalla gente comune sia considerato solo un piccolo dettaglio.
L’ultima che ho letto? Corpo plastificato. L’ha scritto una donna. Ecco, non vi ho detto la nausea che mi provoca l’invidia mascherata da presunta profondità di pensiero, profondità che tuttavia non riesce a concepire il running come arte marziale, fermandosi al gesto, all’apparenza.
Molte cose non ho detto, forse perchè per abitudine rifuggo la tossicità in tutte le sue forme, anche quelle umane. Anzi, soprattutto quelle.
Non fingo di non vedere ma fuggo come un’anguilla da chi cerca di riversare la sua spazzatura mentale sugli altri.

Non si tratta di negazione, ma di attenzione al bello.

Per esempio, il bello che ho fotografato stamattina.

Maria Antonietta BS

Meravigliosa Primavera sul mio percorso running

 

La bellezza mi porta a riversare la mia attenzione sul particolare

 

Particolare
Annunci

25 thoughts on “Solo rose e fiori sul running?

  1. Beata te, qui stamattina c’era un vento che a momenti decollavo! Poi va beh, le persone tendono troppo facilmente a criticare chi non si comporta come loro denigrando gli altri. Ma tutto sommato si vive bene anche ignorandoli!:-D

    Liked by 1 persona

  2. Sembra di toccare queste foto! SPLENDIDE davvero.
    Già, l’invidia veste “diverse” maschere e crescendo impariamo a riconoscerle…
    In questo caso, mi ci sono imbattuta spesso. Ho iniziato con la Danza Classica a 8 anni e non mi sono più fermata, fino a specializzarsi nell’ambito sportivo. All’inizio ci rimanevo male, ma ero piccina. Ora, sebbene taluni atteggiamenti e considerazioni restino sempre inutili e prive di senso, mi ci faccio una risata e lascio perdere…
    VIVA lo SPORT e la dinamicità espressa in ogni forma!!!
    Buon Weekend!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...