L’illusione di essere multitasking

Sono la regina del multitasking, all’occorrenza, e so bene quanto il concetto sia illusorio. Dare attenzione a tutto e a tutti è come fare tutto e niente, molto e male. Esserci significa dare priorità, concedere il giusto tempo ad ogni cosa: gustare una pietanza,  scambiare un’opinione. D’accordo, il tempo è poco, ma c’è sempre un momento, magari di sera, per guardarsi negli occhi raccontando la propria giornata, per parlare senza che il volume di qualche dispositivo copra quello delle voci e, se non c’è, bisogna crearlo. Bisogna inventare delle occasioni in cui respirare la gratitudine di essere insieme, di far parte di qualcosa di importante. Le persone vanno guardate negli occhi, non nei secondi residui tra la lettura di una chat e uno zapping col telecomando. E vanno ascoltate, che non è annuire pensando ad altro, ma essere così attenti da intuire il non detto, dimostrando all’altro che è importante, che non si vive solo per se stessi. Nascono così i veri legami, quelli indissolubili.

Maria Antonietta BS

IMG_2133
Il mio frutteto non è multitasking…
IMG_2134
lui si prende il tempo per fiorire…
IMG_2135
…di essere acerbo…

IMG_2138

IMG_2139
…e di maturare

Tutto questo non accade contemporaneamente.

IMG_2140

Annunci

15 pensieri riguardo “L’illusione di essere multitasking

  1. vero quello che scrivi…tra lavoro, corsa e blog mi rendo sempre più conto di aver poco tempo a disposizione per riflettere o semplicemente fermarmi un attimo a pensare…siamo sempre connessi ma non abbiamo mai troppo tempo

    Mi piace


  2. 🙂 ti rispondo con queste bellissime parole che non posso dimenticare!
    di Giusy Montalbano

    Mi piacciono le persone che ti guardano negli occhi,
    quelle che mentre tu ti fidi, entrano dentro di te senza presumere di cambiarti.
    Quelle che ti fanno sentire importante con il gesto di raccoglierti una ciocca di capelli
    con la delicatezza del loro respiro
    ed in quell’atto corroborano la certezza del loro esserti accanto.
    Mi piacciono le parole posate senza fretta,
    in prossimità delle fiducie che prendono strade sempre diverse,
    ma che se ti si attaccano alle labbra, diventano il motivo di una musica
    che non ti aspettavi di sentire.
    Mi piacciono le bocche modulate dai ritmi del silenzio,
    nei momenti in cui parlano
    le sintonie degli sguardi e le fragranze degli attimi
    che dilapidano vite intere
    in manciate di secondi.
    Mi piacciono le persone capaci di restarti sottopelle,
    con il loro dono di mosaici differenti che portano incastri nella tua carne,
    donandoti l’eccellenza della completezza senza invadere il tuo mondo.
    Mi piacciono le persone che ti ascoltano sul serio,
    tenendo tra le dita il filo delle tue parole fino alla fine
    e che mentre prestano orecchio alla tua voce,
    ti tengono stretta al loro cuore sapendo che
    non c’è un altro luogo in cui vorresti stare.
    (Magneticamente)
    by montgiusi

    Originally posted on ANOTHERSEA:
    https://anothersea.wordpress.com/2015/04/23/1852

    il sito è contrassegnato come privato e
    purtroppo non si può contattare!

    http://www.larecherche.it/testi_raccolta.asp?Tabella=poesia&Utente=montgiusi

    Liked by 1 persona

    1. Giuma ti ringrazio per questa segnalazione perchè questo tuo commento, se pure con parole di Giusi, descrive ciò che per me è fondamentale e che, soprattutto in questo periodo, sto avendo modo di apprezzare particolarmente. Sguardi che parlano, mani che sfiorano, corpo che comunica…sono fondamentali, soprattutto se la comunicazione avviene tra persone intelligenti, che non hanno bisogno di romanzi per capirsi.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...