La mia routine running-doccia

Non importa in quale momento della giornata io decida di allenarmi. Il corriere riuscirà sempre e comunque a indovinare il minuto in cui sono sotto la doccia. Ma non subito prima o subito dopo, bensì in quell’attimo in cui sono tutta insaponata, dai capelli ai piedi, quella manciata di secondi in cui, anche volendo, non… Continua a leggere La mia routine running-doccia

Dimmi perchè corri e ti dirò chi sei

Penso che l’idea della libertà venga fraintesa alla grande dalla maggior parte delle persone. C’è sempre l’equivoco che se si è liberi si può fare di tutto illimitatamente, senza regole. Se questo malinteso riguarda tutti in generale, ancora di più tange le illusioni dei runners che, avendo trovato nel running quella valvola di sfogo che… Continua a leggere Dimmi perchè corri e ti dirò chi sei

Prevenire gli infortuni del runner attraverso l’alimentazione

L’altro giorno parlavo degli estratti di frutta e verdura post running ed un commento metteva in dubbio quanto sostenuto a proposito del loro ruolo sulla prevenzione degli infortuni. Forse faccio bene a scrivere il senso perché è chiaro che questi ultimi si prevengono anche usando le scarpe giuste, eseguendo esercizi complementari al running, tipo stretching,… Continua a leggere Prevenire gli infortuni del runner attraverso l’alimentazione

La Primavera non è poi così lontana

Una giornata come questa è un regalo per un runner. Meglio di una ciliegina sulla torta. Ho corso con una semplice maglia termica a manica lunga, un legging ed uno scaldacollo, senza giacca anti-vento sul lungomare, il che è tutto dire! Devo dire che tutto intorno era un exploit di sport per niente invernali: vela,… Continua a leggere La Primavera non è poi così lontana

Si torna solo se si è stati felici

Si possono perdere nella memoria i luoghi, il tempo totalizzato, la frequenza degli allenamenti ma mai le sensazioni. Difficile dimenticare come ci si sente, cosa si prova correndo ed è per quello che si torna sempre. Maria Antonietta BS “La felicità è desiderio di ripetizione” [Milan Kundera]